giovedì, dicembre 14

Doppi turni, cambi di reparto, dialogo sindacale inesistente. Ikea va cambiata


Al via #CambiaIkea, la campagna di sensibilizzazione della UilTucs

di Ma.Te.Ci.
La Campagna social #CambiaIkea
La Campagna social #CambiaIkea

Mobili da montare, arredi originali, rimedi salva spazio. Ma anche colore e shopping domenicale. Rappresenta tutto questo ormai Ikea, il colosso svedese diffuso su tutto il nostro territorio nazionale che è entrato nelle nostre case e nelle nostre abitudini, alimentando persino intercalari colloquiali e tormentoni estivi. Ma non è tutto oro quel che luccica. E dietro l’abilità degli arredi a incastro, i cassettoni colorati, lo spazio baby e i cataloghi in bella mostra, si cela un rapporto sempre più difficile tra dipendenti e vertici aziendali. Un rapporto che aveva fatto della collaborazione e del dialogo il suo forte punto di partenza e che, invece, da quanto raccontano i lavoratori si è arenato dietro logiche di business spesso incomprensibili. Nessun ascolto dei dipendenti e decisioni calate dall’alto su improvvisi cambi di reparto, modifiche dei turni, rotazione settimanale. Oltre che un contratto nazionale scaduto dal 2015. È per dire basta a tutto questo che la UilTucs, insieme ai lavoratori, ha dato il via a CambiaIkea, una campagna diffusa prevalentemente sui social per sensibilizzare l’azienda e al tempo stesso la clientela sui problemi quotidiani che i dipendenti si trovano ad affrontare inascoltati. “Una campagna che, utilizzando i mezzi preferiti dalla stessa azienda, chiede spazio al dialogo e al confronto – spiega la segretaria generale della UilTucs regionale, Giuliana Baldini – per effettuare davvero quel cambiamento di cui Ikea si è sempre detta e si dice fautrice”.

Sono 21 i punti vendita Ikea in Italia di cui tre soltanto nella Capitale. Negozi che hanno fatto da apripista alla diffusione sul territorio nazionale e che rappresentano ancora oggi una garanzia nella vendita. “La situazione è specchio purtroppo di quanto sta avvenendo negli ultimi anni nel mercato del lavoro – commenta il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio, Alberto Civica – dipendenti che si fanno in quattro per l’azienda trattati come robot, senza rispetto per la loro professionalità e i contributi innovativi. Persino un marchio che aveva basato il suo successo proprio sul dialogo ha cambiato rotta, adeguandosi a modelli dove la logica del profitto è l’unica dominante, al di là dei rapporti umani e sociali. Eppure parliamo di un colosso che sui rapporti umani ha costruito il proprio slogan. È inammissibile tutto ciò. Passiamo da aziende in crisi con licenziamenti via sms ad aziende in attivo che usano i dipendenti come oggetti. È un sistema che deve cambiare e per farlo il lavoro deve assumere nuovamente quel senso originario di dignità e riscatto che gli appartiene”.  Gli eventi e le iniziative in calendario, che saranno pubblicati ogni 15 giorni sul sito www.uiltucs.it, vengono scanditi da un countdown che segnerà anche il percorso della petizione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *