domenica, maggio 27

Cronaca e Attualità

Bambini scomparsi. In Italia ne sparisce uno ogni due giorni

Bambini scomparsi. In Italia ne sparisce uno ogni due giorni

Cronaca e Attualità
Bambini scomparsi. Ne sparisce uno ogni due giorni scompare. E quattro su cinque non vengono più ritrovati. Accade in Italia. Accade nel nostro civilissimo Paese. E’ un fenomeno drammatico quello che emerge dall’indagine di Telefono Azzurro, ‘Non lasciamoli scomparire’, presentata questa mattina in occasione della Giornata Internazionale dei bambini scomparsi. L’associazione gestisce dal 25 maggio 2009 - in collaborazione con il ministero dell'Interno e le forze dell'ordine - il numero unico europeo 116.000, attivo 24 su 24, complessivamente si è occupata di 1125 casi di bambini scomparsi perché fuggiti di casa o da un istituto, o perché rapiti o sottratti da un genitore, insieme con i numerosi minori non accompagnati provenienti dai Paesi extraeuropei. Solo nell’ultimo anno il numero
A Ostia nasce Lungomare Falcone e Borsellino

A Ostia nasce Lungomare Falcone e Borsellino

Cronaca e Attualità
Un tratto di lungomare di Ostia dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. E’ l’iniziativa che il Comune di Roma ha realizzato in occasione della Settimana della legalità e del 26esimo anniversario della Strage di Capaci. Una decisione dal significativo valore simbolico, visto che la parte interessata che sarà denominata Lungomare Falcone e Borsellino, va dalle Mura Foreanee del Porto turistico di Roma a Piazza Lorenzo Gasparri, vale a dire la roccaforte del clan Spada. Il tutto è contenuto in una mozione – approvata all’unanimità dall’assemblea capitolina – riunita oggi nel cortile dei licei Anco Marzio-Labriola del X Municipio di Roma. «Volevamo stare in mezzo ai ragazzi e riteniamo importante dare loro l’esempio ntitolando una parte del lungomare di Ostia a due persone straordin
A Roma si respira aria avvelenata

A Roma si respira aria avvelenata

Cronaca e Attualità
Aria avvelenata. «Fuorilegge e nociva». A Roma si respirano concentrazioni medie di biossido di azoto con valori fuori dalla norma. I risultati della prima mappatura condotta da Salvaciclisti Roma e Cittadini per l’aria a conclusione del progetto ‘NO2, no grazie’ sono spietati: «in tre casi su cinque la concentrazione di NO2 è superiore ai limiti di legge - si legge nel dossier - con gravi rischi per la salute dei cittadini, dall'aumento dei ricoveri a quella della mortalità». In centocinquanta – tutti volontari – armati di un kit per un mese (dal 2 febbraio al 3 marzo) hanno misurato il livello di questo pericolosissimo inquinante. Il biossido di azoto dovrebbe avere un valore limite pari a 40 microgrammi per metro cubo su base annuale. Dalla rilevazione mensile è stata quindi prodotta
Una società malata. Ancora violenza

Una società malata. Ancora violenza

Cronaca e Attualità
Ancora una violenza. Ancora una barbarie e di gruppo nei confronti di una donna in attesa dell’autobus che da Rebibbia avrebbe dovuto riportarla a Guidonia, a casa. Una donna stuprata da quattro esseri che, finito il loro divertimento, l’hanno scaricata sotto un cavalcavia, come un oggetto inutile di cui disfarsi. L’ennesimo episodio di violenza in una Capitale sempre più priva di qualsiasi controllo, sempre meno sicura da tanti punti di vista. Uno stupro che si va ad aggiungere, nelle stesse ore, alla follia di un uomo che ha lanciato la figlia dodicenne della compagna da un cavalcavia vicino Pescara. Simboli entrambi di una società malata e violenta che negli ultimi cinque anni ha visto morire 726 donne uccise da chi diceva di amarle. E mentre la cronaca ci consegna un bollettino di g
Raccolta Raee. Italia fanalino di coda in Europa

Raccolta Raee. Italia fanalino di coda in Europa

Cronaca e Attualità
I Raee, questi semisconosciuti. Li vediamo abbandonati accanto ai cassonetti, sui marciapiedi, a volte a poche centinaia di metri dalle isole ecologiche. E’ anche per questo – e non solo – che l’Italia è ancora fanalino di coda in Europa per questo genere di rifiuti raccolti, soltanto cinque chili per abitante. Mentre in Francia, Germania, Regno Unito, Irlanda, Austria e Belgio se ne raccolgono oltre 8 chili e in Svizzera e Norvegia la quota sale a 15 chili. Lo scorso anno, nel nostro Paese, il tasso di ritorno dei Raee – vale a dire il rapporto tra quantità di rifiuti raccolti e quantità di apparecchiature vendute – è stato del 36 per cento. I dati emersi durante l’evento per il decennale di Ecodom, il principale consorzio di gestione dei Raee operante in Italia, sono chiari: sono ancora
Cade dal tetto a Ostia. In codice rosso al San Camillo

Cade dal tetto a Ostia. In codice rosso al San Camillo

Cronaca e Attualità
Ancora un altro incidente sul lavoro. Mentre gli operai ustionati da una colata di acciaio liquido alle acciaierie venete di Padova lottano tra la vita e la morte, oggi un altro operaio è in gravissime condizioni dopo essere caduto dal tetto di un capannone a Ostia Antica. L’uomo, un cinquantenne, è stato elitrasportato in codice rosso all’ospedale San Camillo. Un ennesimo caso di questo 2018 che ha visto solo nei primi tre mesi nel Lazio 21 persone perdere la vita sul posto di lavoro. Edili ma anche tanti operai specializzati. Agricoltori e tecnici. Non c’è un settore più rischioso di altri, anche se i dati ci dicono che quasi tutti gli infortuni accaduti nella nostra regione si concentrano prevalentemente nel terziario, che nel 2016 contava ben oltre 22 mila denunce. Molte le denunce
Emergenza Rifiuti. Serve un tavolo interistituzionale

Emergenza Rifiuti. Serve un tavolo interistituzionale

Cronaca e Attualità
Le cicliche fasi di emergenza dei rifiuti a Roma generano una discussione tra le istituzioni locali che fanno emergere distanza tra realtà e aspettative. Ne sono convinti i sindacati confederali. «L’immobilismo che si è creato attorno a questo tema rende impossibile modificare l’esistente limitando l’azione alla gestione delle emergenze». Ma superata un’emergenza ce ne sarà un’altra. E poi un’altra ancora. Servono azioni concrete. Serve un dialogo tra le istituzioni che porti a risultati certi. «Comune e Ama – dicono Michele Azzola, Paolo Terrinoni e Alberto Civica, rispettivamente Segretari Generali di Cgil Cisl e Uil di Roma e Lazio – devono prevedere, oltre agli impianti di smaltimento, anche un vero e proprio sistema industriale che produca energia e intercetti e trasformi i materi
Minori sempre più a rischio. Un abuso ogni 72 ore

Minori sempre più a rischio. Un abuso ogni 72 ore

Cronaca e Attualità
Un abuso su minore ogni 72 ore. E in un caso su quattro la vittima ha meno di dieci anni ed è soprattutto di sesso femminile (71,7%). Questi alcuni dati, relativi allo scorso anno, diffusi da SoS Il Telefono Azzurro Onlus che, in occasione della Giornata nazionale contro la pedofilia e pedopornografia, ha organizzato un convegno a tema. Il2017 mostra un quadro sostanzialmente stabile rispetto al 2016 e al 2015, ma si tratta di un fenomeno fortemente sottostimato, del quale è difficile fornire una fotografia strettamente realistica, dicono gli organizzatori. Basti pensare che una vittima su tre tace per paura, per vergogna o senso di colpa e molti denunciano troppo tempo dopo, anche a venti o trent'anni dall'accaduto. Secondo i dati relativi alla linea 114 'Emergenza infanzia' dell'associa
Aria Killer. Nel mondo nove persone su dieci la respirano inquinata

Aria Killer. Nel mondo nove persone su dieci la respirano inquinata

Cronaca e Attualità
Che aria respiriamo? Pessima, decisamente pessima. Nove persone su dieci sono esposte infatti ad alti livelli di inquinanti nocivi per la salute. Un'aria killer. Non a caso l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) – nel suo rapporto annuale, dati riferiti al 2016 -  stima in circa sette milioni le vittime che annualmente muoiono a causa di inquinamento dell’aria all'esterno e all’interno delle abitazioni. «L’inquinamento dell'aria minaccia tutti – avverte il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus – E’ inaccettabile che oltre tre miliardi di persone, la gran parte donne e bambini, respirino ancora fumi tossici a causa di stufe e fornelli alimentate da combustibili inquinanti. Se non agiamo con urgenza sull'inquinamento dell'aria, non arriverem
Estate sì, ma con le carte in regola

Estate sì, ma con le carte in regola

Cronaca e Attualità
Estate alle porte. Una stagione balneare all’insegna della legalità. E’ questa la richiesta inoltrata al Prefetto di Roma dalla Uil di Roma e del Lazio attraverso un esposto in cui si ribadisce l’importanza della verifica degli stabilimenti, dei contratti di lavoro applicati e l’urgenza di un tavolo istituzionale con tutti i soggetti coinvolti. Stando ai dati diffusi nei giorni scorsi, infatti, le persone che a vario titolo lavorano all’interno degli stabilimenti balneari di Ostia si conterebbero sulle dita di una mano. Anche in periodo di alta stagione. Cosa che, considerando le tante mansioni svolte – dai bagnini alla reception, dal bar all’assistenza, agli addetti alle pulizie – significherebbe non solo un numero insufficiente di personale, ma anche che lo stesso personale lavora dal