venerdì, ottobre 19

Economia e Lavoro

Alternanza scuola lavoro a Frosinone

Alternanza scuola lavoro a Frosinone

Economia e Lavoro
Alternanza scuola lavoro. La Uil di Frosinone mette in pratica uno dei progetti di questi ultimi tempi in campo di innovazione e di collegamento effettivo tra il mondo della scuola e quello del lavoro. Alternare scuola e lavoro è una modalità didattica innovativa, che attraverso l’esperienza pratica aiuta a consolidare le conoscenze acquisite a scuola e testare sul campo le attitudini di studentesse e studenti, ad arricchirne la formazione e a orientarne il percorso di studio e, in futuro di lavoro, grazie a progetti in linea con il loro piano di studi. La studentessa Chiara Padrone, attualmente protagonista del progetto, lavora con un modello di 160 ore, il Modello A, di 8 ore quotidiane, dal lunedì al venerdì. Questo prevede l’osservazione della attività svolte in un sindacato; il viv
Aeroporto di Aquino. Quale futuro?

Aeroporto di Aquino. Quale futuro?

Economia e Lavoro
Da anni si parla ormai della possibilità di convertire l’aeroporto militare di Aquino. Ci sono almeno due proposte sul tavolo: uno dedicato all’ampliamento del volo sportivo già esistente, l'altro destinato ai voli low cost. Per quel che riguarda il volo sportivo nasce nel maggio 1989 la Human Flight Dimension che da allora si è affermata nel mondo aeronautico con l’organizzazione di eventi, manifestazioni e competizioni soprattutto nel settore del paracadutismo sportivo. Intanto il consigliere regionale di Forza Italia, presidente della quinta commissione cultura, spettacolo, sport e turismo, Pasquale Ciacciarelli, ha presentato un emendamento alla proposta di Legge concernente “Disposizioni per la semplificazione e lo sviluppo regionale” circa le misure a Sostegno del Sistema Aeropor
La sicurezza dall’Asilo all’Azienda

La sicurezza dall’Asilo all’Azienda

Economia e Lavoro
Dieci bambini con caschetti, scarpe infortunistiche, occhiali. E tutto l’occorrente per lavorare in sicurezza. Inizia dai piccoli l’evento organizzato dalla Uilm di Latina dedicato alla sicurezza sul lavoro. «La sicurezza dall’asilo all’azienda», si chiama il convegno che domani si svolgerà al Consorzio per lo sviluppo industriale Roma e Latina, in località Tor Tre Ponti). Inizia dai piccoli, perché la speranza è che partendo dagli adulti di domani, si possano creare condizioni per una migliore sicurezza sul lavoro. «Il problema più grave che devasta il nostro Paese da nord a sud è la terribile tragedia degli infortuni sul lavoro, le cosiddette morti bianche – ricorda Luigi Garullo, segretario generale del distretto di Latina – Già la definizione tende a sminuire la gravità della questi
Sogesid, quattrocento lavoratori in bilico

Sogesid, quattrocento lavoratori in bilico

Economia e Lavoro
“Non siamo fantasmi”, “Precario a tempo indeterminato”. “Costa, il Governo del cambiamento che manda tutti a casa”. Hanno protestato a suon di slogan stamattina sotto la sede del ministero dell'Ambiente i dipendenti della Sogesid che rischiano di perdere a breve il proprio posto di lavoro. Dopo quindici anni di attività, infatti, gli oltre 400 lavoratori della sede romana corrono il rischio di rimanere disoccupati perché, raccontano, il ministro Costa ha deciso di non avvalersi più del supporto esterno dei tecnici, degli ingegneri e dei geologi che finora hanno fornito studi e assistenza tecnica allo stesso ministero, contribuendo all’attuazione delle politiche ambientali nel nostro Paese. “Il problema maggiore è che non è stata fornita alcuna alternativa - dichiara il segretario region
Lavoratori poveri, Italia al quarto posto tra i Paesi europei

Lavoratori poveri, Italia al quarto posto tra i Paesi europei

Economia e Lavoro
Lavorare. Ma ritrovarsi a vivere sotto la soglia di povertà. Essere praticamente un Working poor, o se preferite un lavoratore povero. E quindi arrivare a fine mese con estrema difficoltà. E’ una sfortuna che nel nostro paese colpisce il 12,2 per cento di lavoratori e lavoratrici. A certificarlo è la Commissione europea – attraverso una ricerca condotta da Eurostat. I dati del 2017 non lasciano dubbi: l’Italia è al quarto posto per lavoratori poveri. Sul podio c’è la Romania con il 17, 4 per cento di occupati poveri, segue la Spagna col 13,1 per cento, al terzo posto la Grecia, con una quota pari al 12, 9 per cento. Si sta meglio in Germania, Francia e Regno Unito, dove la percentuale si ferma al dieci per cento, anche se per questi tre paesi i dati sono aggiornati al 2016. Quel che
Vola la cassa integrazione nel Lazio

Vola la cassa integrazione nel Lazio

Economia e Lavoro
Aumentano di oltre il 40 per cento le ore di cassa integrazione nel Lazio nell’ultimo anno. A luglio 2018 sono stati quasi 15 mila i cassaintegrati nella nostra regione, contro i 10,5 mila dello stesso periodo dell’anno precedente. Un incremento in totale controtendenza rispetto al panorama nazionale, dove le ore complessive di Cig sono fortemente diminuite (- 69% al Sud; -56% al Centro e -52% al Nord). Secondo la Uil del Lazio che ha diffuso i dati sono Latina, Frosinone e Rieti le province più penalizzate, tanto da rientrare nella classifica delle dieci città italiane con il maggior incremento di cig. Se il capoluogo pontino segna un aumento del 377% dovuto soprattutto all’impennata della cassa ordinaria, se la Ciociaria supera il + 92% per effetto invece dell’incremento della cassa s
Sì alla retribuzione professionale docenti anche per supplenti

Sì alla retribuzione professionale docenti anche per supplenti

Economia e Lavoro
La retribuzione professionale docenti (Rpd) deve essere riconosciuta anche al personale con supplenze brevi e saltuarie: è quanto ha stabilito la Corte di Cassazione che in una sentenza di questa estate ha ribadito che, tutto il personale docente a prescindere dal tipo di contratto stipulato, ha pieno diritto all'assegno tabellare integrale (pari a 164 euro mensili). Una sentenza che cambia l’orientamento precedente e supera la discriminazione posta in essere nei confronti del personale precario con contratti inferiori all'annualità. Ciò significa che ci saranno dei punti fermi da cui non si potrà prescindere:  tutti i contratti a tempo determinato dovranno avere una data certa: il nuovo contratto della scuola stabilisce, infatti, che i contratti a tempo determinato contengano una preci
Vendemmia al top. Italia primo produttore al mondo

Vendemmia al top. Italia primo produttore al mondo

Economia e Lavoro
Finalmente una buona vendemmia che permetterà al settore vitivinicolo di riprendersi. Questo quanto emerso durante la conferenza stampa di presentazione delle previsioni vendemmiali, elaborati da Unione Italiana Vini e Ismea per l'Osservatorio del Vino, organizzata presso il Mipaaft, alla presenza, tra gli altri, del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo, Gian Marco Centinaio, e del direttore generale di Ismea, Raffaele Borriello. La nuova produzione vitivinicola è stimata in 49 milioni di ettolitri, con un incremento del 15% rispetto ai 42,5 milioni dello scorso anno, che riavvicina l'Italia alle medie pre-2017. “Una crescita produttiva rilevante che delinea un quadro nel complesso positivo seppur con qualche criticità, in particolare al Sud, influenzato
Seimila occupati in Italia in rinnovabili ed efficienza energetica

Seimila occupati in Italia in rinnovabili ed efficienza energetica

Economia e Lavoro
Le professioni legate alle attività di efficienza energetica si stanno evolvendo nel segno della green economy. Lo rileva il Centro Studi Avvenia, società del gruppo Terna che opera nel settore dell'efficienza energetica, analizzando i dati Inapp e Istat sulle professioni energetiche più innovative. Nel campo delle rinnovabili e del risparmio energetico - rilevano gli esperti del Centro studi - sulla base dei dati Istat presenti nel Sistema Informativo sulle professioni, in Italia oggi ci sono circa seimila occupati. Chi sono? Soprattutto uomini (94 per cento), sotto i 40 anni di età per la maggior parte (53%) e lavoratori dipendenti nel 70 per cento dei casi. Un ambito lavorativo giovane e per i giovani. Le competenze individuate sino al 2030 faranno in modo che il tecnico dell'effici
Imprenditoria giovanile italiana. Una nuova impresa su tre è under 35

Imprenditoria giovanile italiana. Una nuova impresa su tre è under 35

Economia e Lavoro
«Una nuova impresa su tre è guidata da un giovane sotto i 35 anni. A fine giugno, il Registro delle Camere di commercio conta 551.761 imprese giovanili. Nel secondo trimestre del 2018, i giovani imprenditori italiani hanno messo a segno un saldo di 18.659 unità in più tra aperture e chiusure di imprese, pari al 60 per cento dell'intero saldo del periodo. Nel complesso, il peso dell'imprenditoria giovanile sul totale delle imprese è del 9,1 per cento ma, se si guarda alle iscrizioni di nuove imprese, il ruolo dei giovani imprenditori appare determinante ad assicurare il ricambio della nostra base produttiva. Tra aprile e giugno, infatti, le imprese di under 35 hanno rappresentato il 30,8% di tutte le iscrizioni di nuove imprese ai registri camerali». Questi i dati di Unioncamere. «Tra i