venerdì, agosto 17

Tag: cgil

Quanto eri bella Roma. Sindacati in piazza

Quanto eri bella Roma. Sindacati in piazza

Cronaca e Attualità
Quanto eri bella Roma... Con questo slogan semplice ma efficace Cgil Cisl Uil scenderanno in piazza il 6 giugno per protestare contro l’immobilismo del Campidoglio. L’annuncio è stato dato dal segretario generale della Uil Lazio, Alberto Civica, durante i lavori del VII Congresso del sindacato di via Cavour. “In passato abbiamo più volte denunciato l’incapacità di programmare sul lungo periodo e i rischi di agire sempre in emergenza. Adesso siamo andati oltre – ha commentato Civica -  semplicemente non si agisce proprio. L’immobilismo ha sicuramente il merito di evitare gli errori, ma ha anche il grosso demerito di lasciare una città, la Capitale d’Italia, in balia di se stessa e purtroppo le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Non abbiamo intenzione di stare a guardare”. Dello s
Emergenza Rifiuti. Serve un tavolo interistituzionale

Emergenza Rifiuti. Serve un tavolo interistituzionale

Cronaca e Attualità
Le cicliche fasi di emergenza dei rifiuti a Roma generano una discussione tra le istituzioni locali che fanno emergere distanza tra realtà e aspettative. Ne sono convinti i sindacati confederali. «L’immobilismo che si è creato attorno a questo tema rende impossibile modificare l’esistente limitando l’azione alla gestione delle emergenze». Ma superata un’emergenza ce ne sarà un’altra. E poi un’altra ancora. Servono azioni concrete. Serve un dialogo tra le istituzioni che porti a risultati certi. «Comune e Ama – dicono Michele Azzola, Paolo Terrinoni e Alberto Civica, rispettivamente Segretari Generali di Cgil Cisl e Uil di Roma e Lazio – devono prevedere, oltre agli impianti di smaltimento, anche un vero e proprio sistema industriale che produca energia e intercetti e trasformi i materi
Liberazione. Sia una giornata all’insegna dell’unità

Liberazione. Sia una giornata all’insegna dell’unità

Cronaca e Attualità
Festa della Liberazione. Ricorre domani la celebrazione del settantatreesimo anniversario del 25 Aprile. Uno tra gli appuntamenti più significativi della nostra Repubblica. E anche della nostra idea di Stato. Uno Stato fondato sui valori della Resistenza e sui principi che costituirono il fondamento della Costituzione. «Arrivare al 25 aprile nel segno dell'unità, al riparo dalle divisioni e dai contrasti che ogni anno, purtroppo, caratterizzano questa giornata è una necessità che rivendichiamo – dicono Cgil, Cisl e Uil di Roma e del Lazio – E’ un dovere che abbiamo come popolo e verso noi stessi, soprattutto in una fase in cui si rafforzano le organizzazioni politiche che fanno della violenza, della sopraffazione e dell'intolleranza razziale il proprio credo». «Per questo – aggiu
Un nuovo ospedale per Rieti

Un nuovo ospedale per Rieti

Cronaca e Attualità
Un nuovo ospedale. Antisismico. Invece di «rattoppare» quello esistente. Praticamente un nuovo presidio ospedaliero da realizzare utilizzando anche i fondi già stanziati dalla Regione Lazio per l’adeguamento sismico del de Lellis di Rieti. E’ un’idea che sta guadagnando rapidamente consensi in città. Ma al momento è solo un’ipotesi. Tuttavia sarebbe una scelta lungimirante e strategica, che si inserirebbe in una logica di costruzioni moderne e appositamente concepite per resistere ai terremoti, che da queste parti sono purtroppo di casa. Una ricostruzione antisismica in grado di far rinascere il territorio ancora ferito dal terremoto dell’agosto 2016 e dei successivi eventi sismici. Giorni fa, durante l’incontro in commissione sanità - al quale erano presenti il presidente della commiss
Via Tiburtina, un’arteria dimenticata

Via Tiburtina, un’arteria dimenticata

Cronaca e Attualità
La via Tiburtina è ormai sinonimo di invivibilità. Lo sanno bene i cittadini costretti quotidianamente a fare i conti con una mobilità complicata e un degrado sempre più crescente. Lo sanno bene i tanti comitati di quartiere che ieri l’altro si sono dati appuntamento con Cgil Cisl e Uil e insieme con i sindacati hanno chiesto un incontro urgente al presidente del IV municipio e agli assessori comunali competenti. «Il problema urgente e prioritario è quello della mobilità – si legge nella nota stampa dei sindacati – La via Tiburtina, dalla stazione fino a Settecamini e anche fuori Roma è praticamente bloccata, soprattutto per i cantieri fermi, senza che si sappia quando riprenderanno i lavori. Il progetto finalizzato all’ampliamento della consolare, che risale al 2000, dopo varie vic
Tenere insieme lavoro, sicurezza e legalità si può

Tenere insieme lavoro, sicurezza e legalità si può

Interventi
Ci sono possibilità per migliorare la qualità dei servizi pubblici erogati e garantire occupazione e diritti di lavoratrici e lavoratori? Noi crediamo di sì. Ci sono modi e modalità per favorire la trasparenza nelle procedure di gara rafforzando il contrasto ai fenomeni di concorrenza sleale, di corruzione e di infiltrazioni mafiose? Ne siamo certi. E come fare per salvaguardare le imprese che operano nel rispetto dei contratti nazionali e della legge? Queste domande trovano risposta nel protocollo d’intesa che domani Cgil Cisl e Uil firmeranno con la Regione Lazio. Stiamo parlando di un documento ambizioso, perché il sistema regionale degli appalti pubblici di beni e servizi sarà finalmente ridisegnato. Un protocollo necessario – soprattutto in questa fase di crisi occupazionale – c
Fascismo e razzismo? Stop alle intimidazioni

Fascismo e razzismo? Stop alle intimidazioni

Politica e Società
“Tutti insieme per dire no a qualsiasi forma di fascismo e di razzismo”. È lo slogan del presidio di solidarietà dei giornalisti organizzato proprio dove qualche giorno fa è avvenuto blitz degli attivisti di Forza Nuova. “Nel nostro Paese c'è ormai un clima di intimidazione contro i giornalisti, che si manifesta con aggressioni squadriste - spiegano gli organizzatori - I giornalisti liberi danno fastidio e per questo qualcuno vorrebbe tornare ai tempi dei manganelli, come è successo a Ostia con l'aggressione di stampo mafioso alla troupe che lavorava per la Rai. Si vuole mettere il bavaglio all'informazione. Ma non ci riusciranno, non passeranno”. I sindacati sono mobilitati e partecipano al sit in. “La libertà di stampa non si tocca – fa sapere la Uil di Roma e del Lazio e del L
Protocollo appalti. Solo una firma per chiudere il percorso

Protocollo appalti. Solo una firma per chiudere il percorso

Interventi
C’è un percorso da concludere. Riguarda il settore degli appalti. E’ un percorso virtuoso iniziato circa un anno fa con la firma - tra Regione Lazio e Cgil Cisl e Uil - del protocollo quadro sugli appalti e proseguito poi con quello specifico sugli appalti dei lavori pubblici firmato congiuntamente alle categorie dell’edilizia. Manca qualcosa però. Per chiudere il cerchio e mettere in sicurezza un settore che rischia di essere infiltrato dalla criminalità, manca ancora un documento e un’altra firma: quella che dovrebbe regolare il settore delle forniture dei beni e servizi. Con i colleghi di Cgil e Cisl da tempo sollecitiamo la Regione Lazio affinché concluda il percorso di questo accordo attuativo. Stiamo parlando di un anello mancante per avviare una strategia innovativa, necessaria a
Creare lavoro stabile. Dalla Regione un bando di 3 milioni

Creare lavoro stabile. Dalla Regione un bando di 3 milioni

Interventi
Un bando da 3,3 milioni di euro per i lavoratori dell'indotto aeroportuale di Fiumicino con finanziamenti a fondo perduto fino a 200 mila euro vincolati però all’assunzione di personale a tempo indeterminato. E’ questa l’iniziativa della Regione Lazio per incentivare l’occupazione e sostenere lo sviluppo delle imprese del comparto dell’aeromobile tra Roma e Fiumicino. Nello specifico il “bando aeromobile” prevede l’erogazione di 20 mila euro per ogni contratto a tempo indeterminato che riguarda un lavoratore precario già occupato in un’azienda dell’indotto dell’aeromobile o un disoccupato con esperienze di lavoro in imprese del settore. Per il presidente della Regione Lazio si tratta di un un progetto sperimentale ma concreto. Noi della Uil -  con le colleghe Donatella Onofri della Cgi
La dignità non ha prezzo. Sindacati contro depenalizzazione dello stalking

La dignità non ha prezzo. Sindacati contro depenalizzazione dello stalking

Sociale
La dignità non ha prezzo. "Quanto vale un pedinamento? Quanto una molestia? E quanto soprattutto la mancanza della propria libertà? In base a cosa verrà risarcito il danno? Domande che possono apparire banali, ma legittime se nelle prossime ore - con l'entrata in vigore la riforma del codice penale - si procederà nei confronti dei condannati per stalking alla cancellazione della pena attraverso il pagamento di una somma, da versare anche a rate, che il giudice reputerà congrua rispetto al reato commesso”. A chiederselo sono i sindacati confederali che puntano l’indice contro la novità introdotta dalla riforma prevista dall'art. 162 ter: l’estinzione di alcuni tipi di reati a seguito di condotte riparatorie. “Una vera e propria ingiustizia nei confronti delle vittime, oltre che l’annullamen