venerdì, Dic 14

Molestie, in Italia oltre 8 milioni le donne che le subiscono


Più di un milione accadono sul posto di lavoro, soprattutto impiegate e commesse

di Marta Sateri

Sono 8 milioni 816mila (43,6%) le donne fra i 14 e i 65 anni che nel corso della propria vita hanno subito violenza. Questo il drammatico dato diffuso oggi dall’Istat. Di queste, oltre 3 milioni (15,4%) soltanto negli ultimi tre anni. Per la prima volta sono rilevate anche le molestie a sfondo sessuale ai danni degli uomini: si stima che 3 milioni 754mila uomini le abbiano subite nel corso della loro vita (18,8%), 1 milione 274 mila negli ultimi tre anni (6,4%). Gli autori delle molestie a sfondo sessuale risultano in larga prevalenza uomini: lo sono per il 97% delle vittime donne e per l’85,4% delle vittime uomini. Il tipo di molestia più diffusa è quella verbale, mentre tra quelle da contatto fisico, la maggior parte avviene sui mezzi di trasporto pubblici per le donne (27,9% dei casi) e nei locali come pub, discoteche, bar (29,2%) per gli uomini.

Altro dato che colpisce è che sono 1 milione 404mila (8,9%) le donne che hanno subito molestie fisiche o ricatti sessuali sul posto di lavoro: 425mila (2,7%) negli ultimi tre anni. L’Istat stima che, nel corso della vita, 1 milione 173mila donne (7,5%) ne sono state vittima per essere assunte, per mantenere il posto di lavoro o per ottenere progressioni nella carriera. Impiegate e commesse i lavori più a rischio. Nell’11,3% dei casi le donne vittime hanno subito più ricatti dalla stessa persona e il 32,4% dei ricatti viene ripetuto quotidianamente o comunque più volte alla settimana. Colpisce il fatto che l’80,9% delle vittime non ne ha parlato con alcuno sul posto di lavoro. Quasi nessuna, inoltre, ha denunciato il fatto alle Forze dell’Ordine.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *