martedì, novembre 20

Un osservatorio per malattie croniche a Rieti


La decisione dopo l’incontro tra la Asl reatina e le categorie di Cgil Cisl e Uil

di Redazione

osservatorio Un Osservatorio sulle malattie croniche (diabete, cardiopatie, ipertensione, patologie osteo-articolari, pneumologiche, reumatologiche) per andare incontro alle richieste dei cittadini della provincia reatina, dove gli anziani rappresentano quasi il 28 per cento della popolazione (43.262 su un totale di 156.554 abitanti) e il tasso di invecchiamento è il più alto della regione.

Questo quanto stabilito durante l’incontro tra la Asl di Rieti e le categorie dei pensionati Spi Cgil Roma e Lazio Fnp Cisl Roma Capitale Rieti e Uilp Lazio. Le categorie dei sindacati confederali hanno chiesto maggiore impegno sulla medicina d’iniziativa e territoriale, tenendo conto di modelli di intervento mirati e individuali, delle eventuali esigenze di cure domiciliari, della non autosufficienza, della lunga degenza.

 L’Osservatorio sarà costituito dall’azienda sanitaria, dalle rappresentanze sindacali, dai medici specialisti e di famiglia, da farmacie e associazioni dei cittadini in modo di coprire il reale fabbisogno della popolazione che risulta distribuita su 73 comuni, molti dei quali dislocati nelle zone montuose, zone già disagiate per via di un terremoto che ha causato non pochi danni a cose e persone. Tra le priorità anche l’incremento di residenze sanitarie assistite, l’ospedale De Lellis di Rieti attualmente in attesa dell’adeguamento strutturale e la creazione di un secondo Osservatorio sulle liste d’attesa, altro tema caldo della nostra regione e del territorio in particolare.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *