lunedì, Dic 10

Mese: Nov 2018

La doppia discriminazione: essere donna e disabile

La doppia discriminazione: essere donna e disabile

Inchieste e Reportage
Vulnerabili, emarginate, spesso invisibili, vittime di una doppia discriminazione. Doppia perché la violenza di genere non conosce limiti né barriere. Anzi. Accade spesso che più disparità si uniscano e saldandosi ne generino multiple. E’ il caso della donna con disabilità. Ha provato a riassumere questa condizione la Commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio, dedicando a questo tema un focus specifico. Quel che emerge dagli atti parlamentari è una triste quotidianità che isola, ghettizza, nasconde. E che nega la dignità delle persone. Un quadro che rimanda alla notte dei tempi, al medioevo. Non certo ai giorni nostri. «Non è un essere umano, non è una cittadina, bensì un essere senza diritti, priva di sesso, corpo, intelligenza, desideri, emozioni». La rappresentazione del
Gli insulti a Laura Boldrini e l’autobiografia della nazione

Gli insulti a Laura Boldrini e l’autobiografia della nazione

Politica e Società
“Te dovresti organizzà pe na a …. tu e chi te cià fatto vení a Vetralla”. È stato il commento più gentile fatto in rete, sui social, nei confronti della deputata, ed ex presidentessa della Camera, Laura Boldrini in visita a Vetralla lunedì scorso. Invitata da un'altra donna, presidentessa del consiglio comunale vetrallese, Giulia Ragonese, che ha da poco aperto l'unica Casa delle donne rimasta nella Tuscia, affiancata da una giunta comunale, guidata dal sindaco Franco Coppari, che per la prima volta nella storia di Vetralla vede finalmente pareggiare i conti uomo/donna ai posti di vertice nell'ambito dell'amministrazione. Le colpe di Laura Boldrini sono probabilmente tre. La prima. Sicuramente la più grave di tutte. Essere una donna che ha deciso di avvalersi e di esercitare i suoi diritt
Alleva la speranza. Parte la raccolta fondi di Enel e Legambiente

Alleva la speranza. Parte la raccolta fondi di Enel e Legambiente

Cronaca e Attualità
Una raccolta fondi per le aziende del centro Italia colpite dal terremoto. Si chiama «Alleva la speranza» la campagna di crowdfunding promossa da Legambiente ed Enel – che si svilupperà attraverso la piattaforma PlanBee.bz per i prossimi due anni – per aiutare le aziende a coltivare nuovi progetti di crescita dopo il terribile sisma del 2016. Alle donazioni dei privati si aggiungeranno quelle di Enel, perché i progetti di rinascita possano diventare realtà. L’iniziativa - presentata questa mattina dal presidente di Legambiente Stefano Ciafani e dal responsabile Sostenibilità e Affari Istituzionali di Enel Massimo Bruno – si è arricchita delle testimonianze di quattro allevatrici - Alessia Brandimarte, Amelia Nibi, Teresa Piccioni e Silvia Bonomi, le prime a beneficiare del crowdfunding
Aumenti in vista nei Comuni della Tuscia

Aumenti in vista nei Comuni della Tuscia

Economia e Lavoro
“Il 63 per cento dei comuni della Tuscia, vale a dire 38 su 60, potrebbero modificare le esenzioni oppure aumentare le aliquote della tassazione locale”. Lo ha detto Ivana Veronese, segretaria confederale Uil, all'attivo sindacale unitario, con Cgil e Cisl, svoltosi nei giorni scorsi a Viterbo per discutere delle proposte che i sindacati confederali intendono sottoporre al governo per modificare alcuni punti della legge di bilancio per il 2019. Ciò significa che a partire dal 2019, più della metà dei comuni della provincia potrebbero intervenire sul sistema di tassazione locale inasprendolo – con l'aumento delle aliquote – oppure andando a modificare situazioni consolidate. In tal caso ad essere toccate sarebbero le esenzioni. In quest'ultima ipotesi, ad esempio, la prima casa data in c
Roma sprofonda. I dati dell’Ispra: 136 voragini in dieci mesi

Roma sprofonda. I dati dell’Ispra: 136 voragini in dieci mesi

Cronaca e Attualità
Roma sprofonda. Sono state centotrentasei le voragini nella Capitale nei primi dieci mesi del 2018. Aggiornati a ottobre, i numeri mostrano un aumento notevole di questi fenomeni nella città eterna. E’ l’Ispra - Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale – a fare il punto sulla quantità di sprofondamenti, che già al 31 marzo era più che raddoppiato passando da 21 del 2017 ai 43. «Roma continua a sprofondare - sottolinea l'Ispra, ricordando che negli ultimi 8 anni il numero medio degli eventi romani è cresciuto esponenzialmente: si è passati da una media di 16 voragini l'anno (dal 1998 al 2008) a più di 90. E il 2018 ha già decisamente battuto il record del 2013 (quando di voragini se ne erano verificate 104), dopo un 2017 quando si era aperta una voragine ogni 3-4 giorni
Cambiare la legge di bilancio. Da Viterbo l’aut aut dei sindacati al governo

Cambiare la legge di bilancio. Da Viterbo l’aut aut dei sindacati al governo

Economia e Lavoro
«È fondamentale sviluppare le infrastrutture e gli investimenti pubblici, tutelando in tutti i modi il territorio». E poi «no al condono fiscale", istruzione, pubblica amministrazione, sanità e province. Infine, "contrasto all'evasione fiscale attraverso l'istituzione di un'agenzia dedicata esclusivamente all'accertamento e al monitoraggio della riscossione. Sul tavolo c'è la nuova legge di bilancio del governo. E a Viterbo Cgil, Cisl e Uil avanzano le loro proposte. «Per migliorare - hanno spiegato - una legge che va cambiata in diversi punti. Una legge di bilancio che rischia di impoverire ulteriormente il Paese». Attenzione particolare alla Tuscia. «Un territorio - hanno rimarcato tutti - con un grande patrimonio storico artistico e una marcata vocazione agricola e alcune zone destin
Decreto sicurezza. Acli, Arci, Anpi, Avviso Pubblico, Libera e sindacati in piazza

Decreto sicurezza. Acli, Arci, Anpi, Avviso Pubblico, Libera e sindacati in piazza

Sociale
Chiedere al Parlamento e al governo di fermarsi e rivedere il decreto sicurezza, aprendosi al confronto e al dibattito. Scendono in piazza oggi a Roma con questo obiettivo Libera, Acli, Arci, Avviso Pubblico, Legambiente, Cgil, Cisl, Uil. Scendono in piazza perché il decreto sicurezza appare più «una risposta simbolica all'opinione pubblica che ai problemi concreti della protezione e dell’integrazione». «Preoccupano – fanno sapere associazioni e i sindacati – le disposizioni relative alla protezione umanitaria e immigrazione, su cui anche il Consiglio superiore della magistratura ha rilevato aspetti di incostituzionalità. In sostanza, il decreto non promuove dignità, ma la toglie, ad esempio alle persone che hanno intrapreso un percorso di integrazione, lavorano in attesa del riconosci
Capitale di stupri e femminicidi

Capitale di stupri e femminicidi

Cronaca e Attualità
Dieci donne uccise e 416 stuprate. Questi i tristi numeri della violenza nella Capitale nel corso del 2017, anno in cui è stato registrato un incremento di ben il 17,3% di violenze sessuali rispetto al 2016 (quando erano 352), con una crescita superiore al resto del Paese. Violenze spesso di gruppo se si considera che il numero degli autori è di gran lunga superiore a quello delle vittime: 886 stupratori uomini su 405 donne vittime. I numeri ovviamente aumentano se estesi all’intera regione dove le denunce per violenza sessuale nel 2017 hanno raggiunto le 514 unità, ovvero il doppio rispetto al 2000 quando erano 275. Questo quanto emerge dal dossier realizzato dalla Uil del Lazio e dall’Eures in occasione dell’imminente ricorrenza della giornata internazionale contro la violenza sulle d
Italia libera dall’Amianto. Quando?

Italia libera dall’Amianto. Quando?

Cronaca e Attualità
Un capitolo specifico per bonificare gli edifici pubblici e privati dall’amianto. Le Regioni Sardegna, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Marche si mobilitano: chiedono al governo che nella prossima legge di bilancio ci siano risorse particolari per liberare case e palazzi dalle pericolosissime fibre killer. «Apprezziamo e approviamo l'iniziativa – dicono i segretari confederali di Cgil, Cisl, Uil, Maurizio Landini, Angelo Colombini e Silvana Roseto, che hanno incontrato i rappresentanti delle Regioni – Tale richiesta è stata avanzata dagli assessori regionali e gli stessi hanno espresso il loro sostegno al documento che i confederali hanno definito con l'Anci, e che la Conferenza dei Presidenti delle Regioni si appresta formalmente ad approvarle» Italia libera da
Cadono le ville abusive dei Casamonica al Quadraro

Cadono le ville abusive dei Casamonica al Quadraro

Politica e Società
Cadono le ville abusive. Al Quadraro, zona sud di Roma, sono iniziate le prime operazioni per abbattere le villette illegali dei componenti del clan Casamonica. L’obiettivo è rendere inagibili tutte quelle costruzioni con vista sul parco dell’Appia Antica che contro ogni regola stanno lì da troppi anni. Stanno lì in un’area soggetta a vincolo archeologico, paesaggistico e ferroviario. «Le operazioni si sospenderanno perché i materiali devono essere separati per poi procedere allo smaltimento per tipologia - ha spiegato la sindaca Virginia Raggi - Ma si andrà avanti oggi e nei prossimi giorni, fino al completo abbattimento. Sicuramente questo è l’esempio più lampante e chiaro con il quale l'amministrazione dimostra di essere passata dalle parole ai fatti. Non ci fermiamo fino a restituir